cpn

April 3, 2013 by  
Filed under archivio video

Comments Off on cpn

<iframe width=”560″ height=”340″ src=”http://cdn.livestream.com/embed/rifondazione?layout=4&amp;clip=pla_3010f2d2-4aec-43c4-bbaf-4fb2d2dc679b&amp;height=340&amp;width=560&amp;autoplay=false” style=”border:0;outline:0″ frameborder=”0″ scrolling=”no”></iframe><div style=”font-size: 11px;padding-top:10px;text-align:center;width:560px”><a href=”http://www.livestream.com/rifondazione?utm_source=lsplayer&amp;utm_medium=embed&amp;utm_campaign=footerlinks” title=”Watch rifondazione”>rifondazione</a> on livestream.com. <a href=”http://www.livestream.com/?utm_source=lsplayer&amp;utm_medium=embed&amp;utm_campaign=footerlinks” title=”Broadcast Live Free”>Broadcast Live Free</a></div>

ILVA

August 23, 2012 by  
Filed under beni comuni, comunicati stampa nazionale, lavoro

Comments Off on ILVA

ILVA – FERRERO (PRC –FDS): «L’ILVA DEVE PAGARE PER ABBATTERE INQUINAMENTO E NOCIVITÀ»

Paolo Ferrero, segretario nazionale di Rifondazione comunista – Federazione della Sinistra, ha dichiarato:

«Le grandi manifestazioni di oggi dicono chiaramente che l’ILVA deve mettere le risorse per abbattere l’inquinamento e la nocività dello stabilimento di Taranto. Non è accettabile che i costi della riconversione vengano scaricati sullo stato, cioè sulle tasse dei cittadini. Ambiente e lavoro si difendono insieme contro lo strapotere del padronato e la logica del massimo profitto. Nel ribadire il pieno sostegno alla magistratura che ha giustamente arrestato alcuni dirigenti dell’ILVA, diciamo al governo di intervenire con forza e determinazione: la questione ILVA non è un fatto privato».

2 agosto 2012

Ferrero scrive a Bersani e Di Pietro

March 5, 2012 by  
Filed under in primo piano, politica

Comments Off on Ferrero scrive a Bersani e Di Pietro

Caro Pierluigi, caro Antonio,

Vi scrivo questa lettera perché domani riprenderà l’iter parlamentare della modifica dell’articolo 81 della Costituzione relativo al pareggio di bilancio. Si tratta di una norma assai rilevante che avrà grandissime ripercussioni sul paese e sulla vita dei cittadini e delle cittadine italiane. Una volta inserito l’obbligo del pareggio di bilancio in Costituzione, questo resterà infatti in vigore per i prossimi decenni.

So che su questo tema abbiamo pareri opposti: voi concordate con questa norma, io la considero un errore drammatico. Non è però di questo che voglio parlarvi. Non penso che sarebbe sufficiente una lettera aperta per convincervi a cambiare opinione in merito alle politiche neoliberiste che ci hanno portato alla crisi e che questa norma vuole addirittura inserire in Costituzione.

Vi scrivo per un problema di democrazia. Questa modifica costituzionale è assai rilevante e la saggezza dei nostri padri costituenti ha previsto che le modifiche costituzionali possano essere sottoposte a referendum confermativo. Il punto è che le modifiche costituzionali possono essere sottoposte a referendum confermativo solo se non sono espressione in parlamento di una maggioranza che superi i due terzi dei parlamentari.

Oggi le forze politiche in Parlamento – anche in virtù di una sciagurata legge elettorale – sono pressoché completamente favorevoli a questa modifica . Non è detto che sia così nel paese.

Per questo vi chiedo di salvaguardare la possibilità che forze politiche e sociali esterne al parlamento possano misurarsi con la possibilità di raccogliere le firme per sottoporre a referendum questa modifica costituzionale. Vi chiedo quindi di lasciare al popolo italiano la possibilità – se emergerà una volontà in tal senso – di esprimersi su questa modifica attraverso un referendum popolare. Mi pare un elementare principio di democrazia visto che, nelle campagne elettorali che hanno portato all’elezioni di questo parlamento, non è mai stato proposto dalle forze politiche la costituzionalizzazione del pareggio di bilancio.

Non vi chiedo quindi di modificare il vostro voto positivo a questa modifica costituzionale ma mi appello a voi affinché il numero di parlamentari che approva questa norma non raggiunga i due terzi del totale, in modo da non rendere impossibile l’attivazione delle procedure per sottoporre a referendum popolare la modifica della Costituzione stessa.

Mi rivolgo a voi perché – al di la delle differenze politiche che abbiamo – sono certo che i temi della difesa della democrazia e della sovranità popolare non vi lasciano indifferenti.

Un caro saluto, Paolo Ferrero Segretario nazionale – Rifondazione Comunista – Federazione della Sinistra

5 Marzo 2012

Ferrero scrive a Monti

March 2, 2012 by  
Filed under dall'Italia, in primo piano, politica, società

Comments Off on Ferrero scrive a Monti

Egregio Presidente,

in qualità di segretario di una forza politica non presente in Parlamento e non essendo il Parlamento attuale rappresentativo delle effettive posizioni politiche presenti nel paese, mi rivolgo a Lei attraverso la forma un po’ inusuale della lettera aperta.

Il motivo della missiva è quello di avanzare una proposta rivolta a Lei ed a tutto il Consiglio dei Ministri che oggi pomeriggio si riunirà per discutere del Tav in Val di Susa.

La proposta che le avanzo è semplice: il governo decida la sospensione immediata dei lavori al fine di poter determinare un pubblico confronto sulle motivazioni che stanno alla base dell’opera e sulla valutazione costi-benefici della stessa. Ovviamente questo confronto deve essere pubblico e tecnico: gli italiani hanno il diritto di sapere come vengono spesi i loro soldi e se l’opera è espressione di una utilità pubblica o unicamente di interessi privati, anche se molto potenti. Un confronto tecnico che un governo che si definisce tecnico non dovrebbe aver difficoltà ad accettare.

Avanzo questa proposta perché questo confronto non è mai avvenuto: in tutti questi anni gli organi statali o parastatali hanno semplicemente discusso di come fare il TAV in Val di Susa, mai se farlo. La discussione non è mai stata finalizzata ad assumere la decisione ma solo a come motivarla, nonostante il forte calo del trasporto merci e passeggeri tra Italia e Francia renda palesemente inutile quest’opera faraonica. Confido sul fatto che, avendo il passato governo deciso di porre fino allo spreco di danaro pubblico legato alle realizzazione del Ponte sullo stretto di Messina, il Suo governo voglia porre fine allo spreco di denaro pubblico che si sta realizzando in Val di Susa.

In attesa di un Suo positivo riscontro.

LA TAV NON SI PUO’ FARE

March 1, 2012 by  
Filed under ambiente, politica, video

Comments Off on LA TAV NON SI PUO’ FARE

27/02/2012

Comments Off on 27/02/2012

CONTROLACRISI ti segnala le seguenti notizie:

    1. NO TAV, MOBILITAZIONE IMMEDIATA IN TUTTA ITALIA (27-02-2012 14:10:36)
    2. Salari italiani bassi? Comprimiamoli di più… (27-02-2012 14:01:49)
    3. Indagine Spi-Cgil: – welfare + tasse (27-02-2012 13:59:24)
    4. VAL DI SUSA: FORZA LUCA (27-02-2012 13:25 :11)
    5. SENTENZA MILLS: UNA INFAME STORIA GIUDIZIARIA (27-02-2012 11:45:03)
    6. Ferrero: “Azione sconsiderata delle forze dell’ordine” (27-02-2012 11:25:03)
    7. No Tav, la Cub proclama lo scipoero generale a Torino (27-02-2012 11:07:29)
    8. Prc e Comunità montana: “Basta! Ritirate gli espropri” (27-02-2012 10:52:44)
    9. TAV: PRC PIEMONTE, DOPO INCIDENTE SOSPENDERE SUBITO ALLARGAMENTO CANTIERE (27-02-2012 10:39:54)
    10. NO TAV, LUCA ABBA’ GRAVE DOPO LA CADUTA DA UN TRALICCIO (27-02-2012 10:32:55)
    11. Nel Decreto Semplificazioni un colpo alla sicurezza sul lavoro (27-02-2012 10:26:44)
    12. WELFARE: SPI CGIL, COMUNI AUMENTANO TASSE MA RISORSE IN CALO PER SERVIZI (27-02-2012 10:15:53)
    13. NO TAV, INIZIA LA RESISTENZA PASSIVA CONTRO GLI ESPROPRI (27-02-2012 08:58:35)
    14. Oggi è morto a Roma Giulio Girardi (26-02-2012 20:56:55)
    15. La lezione d i Federico Caffè contro i privatizzatori (26-02-2012 20:50:27)
    16. MENTRE I BANCHIERI INGRASSANO I LAVORATORI SI SUICIDANO (26-02-2012 20:21:48)
    17. BRICS: AIUTI EUROZONA IN CAMBIO RIFORMA FMI (26-02-2012 17:16:48)
    18. Lezioni di moderatismo (26-02-2012 14:48:37)

 

ControLaCrisi: Notizie, Conflitti, Lotte

mobilitazione NO TAV

Comments Off on mobilitazione NO TAV

NO TAV, FERRERO (PRC – FEDERAZIONE DELLA SINISTRA): «INVITO A MOBILITAZIONE OGGI POMERIGGIO DAVANTI A PREFETTURE E PALAZZO CHIGI»

«Vista la gravità di quanto sta succedendo in Val di Susa – dichiara Paolo Ferrero, segretario nazionale di Rifondazione Comunista – FdS -, dai pestaggi di sabato all’azione militare di stamani con le gravissime conseguenze che ha avuto, Rifondazione Comunista si impegna a dar vita con tutte le forze attive del movimento  a presidi davanti alle Prefetture e davanti a Palazzo Chigi con la richiesta di fermare immediatamente i lavori della TAV in Val di Susa e l’ampliamento del cantiere».

27 febbraio 2012

TAV: FERRERO (PRC), SOSPENDERE ESPROPRI E GOVERNO ABBANDONI OPERA = Torino, 27 feb. – (Adnkronos) – L’incidente accaduto questa mattina ad un militante no tav caduto da un traliccio dell’alta tensione «è un fatto grave e chiedo una volta ancora che il governo abbandoni quest’opera inutile e dannosa e sospenda immediatamente l’esproprio dei terreni». Così, in una nota, il segretario nazionale di Rifondazione Comunista, Paolo Ferrero, che augurandosi che il manifestante ferito «possa rapidamente rimettersi», denuncia «che il suo ferimento è il frutto diretto della sconsiderata azione delle forze dell’ordine». Infine, Ferrero, nella nota, invita a riflettere «che in Val di Susa le forze dell’ordine si comportano come un esercito di occupazione con l’unico compito di ‘conquistare il territoriò anche a scapito della vita delle persone». (Rre-Abr/Col/Adnkronos) 27-FEB-12 12:34 NNN


EZIO LOCATELLI (PRC/FDS): SIAMO CON TE  LUCA. A CASA ESECUTORI E MANDANTI DEL BLITZ MILITARE DI CHIOMONTE!
Di seguito la dichiarazione di Ezio Locatelli, segretario provinciale di  Rifondazione Comunista/Federazione di Torino:

“Nessuno parli di incidente a proposito di quanto accaduto a Luca Abbà, uno degli esponenti più noti del movimento No Tav. Se Luca è in ospedale, in gravi condizioni,  questo lo si deve unicamente ad una politica  folle che ha deciso di trasformare una parte della Val di Susa in un teatro di guerra con tutti gli “effetti e i danni collaterali” del caso.
Chi ha ordinato, a sorpresa , all’indomani di una straordinaria, pacifica manifestazione del popolo No Tav il blitz  militare a Chiomonte, col risultato di un ragazzo quasi morto, deve andarsene a casa. Cosi come devono andarsene immediatamente a casa i militari mandati ad occupare un territorio che appartiene ai cittadini e alle cittadine della Val di Susa.
Rifondazione Comunista appoggia tutte le forme di protesta pacifiche, di disobbedienza civile che in queste ore si stanno svolgendo in Valle e in tutta Italia.

Torino, 27.2.2012

TAV: PRC PIEMONTE, SOSPENDERE ALLARGAMENTO CANTIERE
(ANSA) – TORINO, 27 FEB – Per Armando Petrini, segretario regionale del Piemonte di Rifondazione Comunista, «è necessario più che mai sospendere immediatamente l’allargamento del cantiere» della Tav Torino-Lione «e l’opera stessa». «All’indomani di una bellissima manifestazione pacifica – afferma – Ltf e forze dell’ordine decidono di occupare i terreni del cantiere con un’ordinanza prefettizia – a suo parere – in palese violazione delle leggi vigenti. E nelle dinamiche di occupazione di terreni, che appartengono ai cittadini della Val Susa – sottolinea – si verifica un grave incidente sul quale bisognerà far luce al più presto. Gli elementi – conclude – sono tali e talmente gravi che è necessario» sospendere immediatamente l’allargamento del cantiere. (ANSA). DF/CLD 27-FEB-12 11:29 NNN

Ferrero in val di Susa

February 27, 2012 by  
Filed under ambiente, trasporti

Comments Off on Ferrero in val di Susa

Intervento dal palco di Paolo Ferrero segretario di Rifondazione Comunista

Riuscitissima la manifestazione in Val di Susa! Ci hanno provato anche questa volta i fautori dell’alta velocità e delle grandi opere a dipingere i valsusini e i No Tav, venuti da molte parti d’Italia, come pericolosi eversivi “inclini alla violenza antisistema”. La manifestazione di oggi, partecipatissima e variopinta come non mai (circa 70 mila persone, molto nutrita e visibile la partecipazione delle compagne e dei compagni di Rifondazione Comunista) svoltasi sui 10 km che collegano Bussoleno e Susa tappezzati da scritte, bandiere e manifesti No Tav, e’ stata la migliore risposta a queste irresponsabili prese di posizione. Ma propiro perchè la manifestazione è andata a gonfie vele la polizia in tarda serata non ha trovato di meglio che far scattare la solita provocazione da dare in pasto alla stampa carcando i manifestanti che da Torino stavano raggiungendo i treni per il rientro. Evidente l’intento di fomentare la repressione e la criminalizzazione di una protesta che dura da 20 anni (lo si è visto ultimamente con gli arresti del 26 gennaio). Una protesta sacrosanta e legittima di una comunità contro la distruzione di un territorio perpetrata dal progetto di un’opera inutile e affaristica. Un progetto dannoso non soltanto per chi vive lungo il percorso dell’alta velocità, ma anche per tutti coloro che vivono lungo il percorso di un’economia, di un modello sociale e di sistema di mobilità improntato agli interessi di un blocco politico affaristico. La Tav ha costi spaventosi, comporta un gigantesco consumo di territorio, comporta altresì un disinvestimento e una marginalizzazione del trasporto pubblico ordinario, usato dalla stragrande maggioranza della popolazione. A maggior ragione in un momento di crisi economica, di taglio delle pensioni e dello stato sociale, di grave disoccupazione, sprecare decine e decine di miliardi nell’alta velocità è una scelta semplicemente insensata. Molto applaudito l’intervento a conclusione della manifestazione del segretario nazionale Paolo Ferrero, sul palco insieme, tra gli altri, a Maurizio Landini, Giorgio Cremaschi, i sindaci valsusini e gli esponenti No Tav.

24/02/2012

February 25, 2012 by  
Filed under contro la crisi, informazione, stampa on line

Comments Off on 24/02/2012

MioGiornale.com, il social network dell’informazione

AIUTACI AD INFORMARTI, FAI UNA DONAZIONE A CONTROLACRISI.ORG

CONTROLACRISI ti segnala le seguenti notizie:

    1. Verso l’8 Marzo. Rapporto della Confederazione Internazionale dei Sindacati sulla differenza di retribuzione tra uomini e donne (24-02-2012 11:50:42)
    2. FIAT: MARCHIONNE ATTACCA CGIL, “LANDINI FA BATTAGLIA POLITICA” (24-02-2012 11:41:02)
    3. OSTIA ANCORA AGGRESSIONE FASCISTA. FDS ORA BASTA, RISPONDEREMO. (24-02-2012 11:27:54)
    4. CRISI:SCHULZ, AFFASCINATO DA ITALIANI, DISPOSTI A SACRIFICI. (24-02-20 12 11:21:43)
    5. Offresi modo quasi-legale per portare soldi all´estero (24-02-2012 11:13:17)
    6. Travaglio: Monti è forte, ma con i deboli (24-02-2012 11:11:38)
    7. 30 aerei venduti violando la legge italiana (24-02-2012 11:07:47)
    8. TRAPANI: FERRERO SULLA NAVE DEI PIRATI, NONOSTANTE LA DIFFIDA DELL’AZIENDA (24-02-2012 10:57:02)
    9. La trattativa sul mercato del lavoro in salita (24-02-2012 10:49:37)
    10. Roma, sulla metro C l’ombra della corruzione e del lavoro nero (24-02-2012 00:34:11)
    11. PALERMO: FERRERO, IN CASO DI BALLOTTAGGIO NESSUNA ALLEANZA COL TERZO POLO (23-02-2012 23:49:47)
    12. Bersani non ferma Monti sull’Art. 18. Ammortizzatori sociali, senza risorse è scontro (23-02-2012 23:36:35)
    13. Succede a Kiev: per gli Europei del 2012 il governo di notte fa uccidere cani e gatti randagi. (23-02-2012 21:03:43)
    14. Poveri manager di Stato. Riusciranno a sopravvivere? (23-02-2012 20:05:30)
    15. La Corte Europea condanna l’Italia per i respingimenti dei profughi. Plaudono il Prc e le associazioni umanitarie (23-02-2012 19:33:01)
    16. MELFI, REINTEGRATI DAL GIUDICE I TRE OPERAI LICENZIATI DALLA FIAT (23-02-2012 18:39:29)
    17. Guido Viale: Keynes non basta più (23-02-2012 17:38:34)
    18. «Loro odiano noi e la nostra cultura. Noi odiamo loro» (23-02-2012 17:37:11)

 

ControLaCrisi: Notizie, Conflitti, Lotte