EL FEM 8 MARZO 2013

March 11, 2013 by  
Filed under archivio forum donne

Comments Off on EL FEM 8 MARZO 2013

EL FEM 8 MARZO 2013

CHIEDIAMO PARITA’ E AUTONOMIA L’8 MARZO E OGNI GIORNO DELL’ANNO!

Oggi, giornata internazionale delle donne 2013, le donne di tutta Europa stanno protestando contro il peggioramento delle nostre vite, causato dalla crisi capitalistica e dalla concezione patriarcale dei nostri paesi! Noi donne e femministe della Sinistra Europea siamo parte di questo movimento internazionale di donne.

NOI lottiamo contro le nostre condizioni di vita che sono dettate dai mercati finanziari e chiediamo ai nostri governi e alla UE che la speculazione con il denaro pubblico sia proibita e le tasse sulla proprietà siano aumentate. I programmi di austerità non devono più a lungo rovinare intere economie nazionali e mettere a rischio la sicurezza esistenziale di sempre più gente, specie la più vulnerabile di cui la maggioranza sono donne. Protestiamo anche contro la corruzione praticata dai politici nei loro paesi e chiediamo che siano processati. Più nettamente rifiutiamo lo smantellamento del welfare, che soprattutto colpisce le donne come lavoratrici e come dome utenti di servizi.

NOI chiediamo lavoro per tutti, donne e uomini, migranti e nativi, salari dignitosi e dignitose condizioni di lavoro. Ma la produzione economica e il lavoro non devono distruggere la natura e la vita sulla terra. Piuttosto il numero delle ore di lavoro deve essere ridotto e il valore del lavoro di cura, che è fatto dalle donne, deve essere remunerato molto di più. Non vogliamo che l’economia sia organizzata in accordo con i principi della massimizzazione dei profitti e con una crescita che non tiene conto dei bisogni umani.

NOI non pensiamo che su questo pianeta ci sia gente che dovrebbe avere più diritti degli altri. Di conseguenza chiediamo alla UE di abbandonare le politiche di restrizione di asili e migrazioni, le quali politiche rappresentano una violazione dei diritti umani, ed esprimiamo la nostra solidarietà con i movimenti dei rifugiati in tutta Europa per il diritto di residenza e il diritto di accesso al mercato del lavoro. Lottiamo per dignitose condizioni di vita per i rifugiati. L’Europa è fra i responsabili delle condizioni che in altri continenti portano alle migrazioni. Chiediamo una completa ristrutturazione delle relazioni economiche globali.

NOI lottiamo contro la violenza maschile ‘macista’ perpetrata contro le donne nella loro vita quotidiana e contro il sessismo che pervade le nostre società e il linguaggio pubblico e chiediamo l’estensione dei programmi di protezione delle donne contro questa violenza. La violenza contro le donne prende molte forme e serve a indebolirci e a controllarci. Chiediamo che siano prese misure contro il traffico delle donne e lo sfruttamento della prostituzione. Sulla grave questione dello stupro che ha assunto dimensioni preoccupanti chiediamo una legislazione appropriata e una funzione delle autorità pubbliche che metta in grado le donne di denunciare lo stupro piuttosto che vergognarsene, e chiediamo che gli stupratori vengano processati e puniti. Come lesbiche chiediamo più visibilità per le nostre lotte, rispetto in ogni sfera della vita e la fine di ogni discriminazione. L’autonomia economica è essenziale per la nostra indipendenza, perciò chiediamo salari per vivere e redditi per tutte le donne. Chiediamo che il lavoro di cura non pagato (cura dell’infanzia, lavoro domestico, cura degli anziani etc.) fatto dalle donne sia considerato come lavoro e così adottato e tenuto in considerazione nelle iniziative politiche. Lottiamo anche per una distribuzione paritaria del lavoro domestico e della cura, tra donne e uomini.

NOI lottiamo contro tutti gli attacchi ai nostri diritti di autodeterminazione e chiediamo il diritto di decidere se, quando e quanti figli vogliamo far nascere e allevare. L’offensiva contro il diritto di scelta è una delle aggressioni di ispirazione fascista e un mezzo per sottomettere le donne. Le attività di certi autoproclamatisi pro-vita, per cui le “vite” di feti e embrioni sono più importanti della nostra salute, devono cessare e le loro risorse devono essere tagliate. Noi sosteniamo l’aborto legale e sicuro a richiesta, poiché le donne non devono più morire durante o in conseguenza degli aborti illegali, né in Europa né in alcun’altra parte del mondo. Perciò e per mille altre ragioni noi lottiamo contro ogni  patriarcato religioso, poiché esso cerca di limitare la libertà delle donne.

NOI lottiamo contro le scuole confessionali di ogni religione e contro l’inserimento delle religioni nei curricula di insegnamento.

Noi sosteniamo la laicità come un valore e come uno spazio pubblico di etica laica. Chiediamo una legge di affidamento che non ci prescriva di avere contatto con i padri dei nostri figli se abbiamo motivo di rifiutare questo contatto.

NOI lottiamo contro il rigurgito delle organizzazioni fasciste e di estrema destra, particolarmente significativo in tempi di crisi, e chiediamo che le loro attività siano bandite. Esse sono un pericolo per la democrazia.
Chiediamo la smilitarizzazione su scala globale e il disarmo di tutti i governi e le bande maschili. Chiediamo che i finanziamenti militari siano eliminati e sostituiti da finanziamenti per proposte sociali, educative ed ecologiche. Vogliamo che tutte le risorse e i mezzi siano distribuiti ugualmente tra i sessi e le differenti regioni del mondo.

NOI lottiamo per un’Europa socialista e femminista con giustizia sociale e di genere.

EL FEM è la rete femminista della Sinistra Europea formata sia da donne organizzate in partiti sia da donne indipendenti. Come comuniste e socialiste siamo anche femministe, come femministe siamo anche di sinistra. Per noi la lotta per il cambiamento sociale è strettamente collegata alla lotta per i diritti delle donne e il riconoscimento delle nostre specifiche situazioni e realtà di vita in quanto donne.

8 marzo alternativo

March 7, 2012 by  
Filed under politiche di genere, società

Comments Off on 8 marzo alternativo

Per l’8 marzo invece della solita mimosa

Treatise of Misogyny di Joseph Horest Pleasance
Autentico capolavoro di chiarezza espositiva, ora anche in eBook,
offre un quadro completo dell’evoluzione del pensiero misogino nei secoli.


http://www.liberodiscrivere.it/biblio/scheda.asp?OpereID=132051


Joseph Horest Pleasance. Filosofo statunitense di origine ebreo-polacca. Laureatosi in Filosofia e Teologia presso l’università di Addis Abeba, si trasferisce ancor giovane in Germania affascinato dalle teorie eugenetiche del nazismo. Professore a Francoforte, come successore di M. Buher, ne porta a compimento le ricerche sulla purificazione della specie. Appartiene a questo periodo la pubblicazione, in lingua tedesca, della sua opera più importante in cui espone la teoria della Katastrophalfeheler (Teoria dell’errore catastrofico), secondo cui la femmina sarebbe derivata dal maschio per un errore di replicazione del cromosoma Y (per questo lavoro, nel 1940, viene insignito dell’International Misogyny Award). Tema caratteristico di Pleasance è, quindi, la necessità di purificare la specie umana dalle conseguenze di tale errore primordiale. Con l’avvento di Hitler, Pleasance lascia la Germania, non condividendo la politica razziale del Fuhrer, che gli appare troppo moderata, e ritorna negli Stati Uniti dove detiene a tutt’oggi la carica di Senior Lecturer della International Academy of Misogyny.

24/02/2012

February 25, 2012 by  
Filed under contro la crisi, informazione, stampa on line

Comments Off on 24/02/2012

MioGiornale.com, il social network dell’informazione

AIUTACI AD INFORMARTI, FAI UNA DONAZIONE A CONTROLACRISI.ORG

CONTROLACRISI ti segnala le seguenti notizie:

    1. Verso l’8 Marzo. Rapporto della Confederazione Internazionale dei Sindacati sulla differenza di retribuzione tra uomini e donne (24-02-2012 11:50:42)
    2. FIAT: MARCHIONNE ATTACCA CGIL, “LANDINI FA BATTAGLIA POLITICA” (24-02-2012 11:41:02)
    3. OSTIA ANCORA AGGRESSIONE FASCISTA. FDS ORA BASTA, RISPONDEREMO. (24-02-2012 11:27:54)
    4. CRISI:SCHULZ, AFFASCINATO DA ITALIANI, DISPOSTI A SACRIFICI. (24-02-20 12 11:21:43)
    5. Offresi modo quasi-legale per portare soldi all´estero (24-02-2012 11:13:17)
    6. Travaglio: Monti è forte, ma con i deboli (24-02-2012 11:11:38)
    7. 30 aerei venduti violando la legge italiana (24-02-2012 11:07:47)
    8. TRAPANI: FERRERO SULLA NAVE DEI PIRATI, NONOSTANTE LA DIFFIDA DELL’AZIENDA (24-02-2012 10:57:02)
    9. La trattativa sul mercato del lavoro in salita (24-02-2012 10:49:37)
    10. Roma, sulla metro C l’ombra della corruzione e del lavoro nero (24-02-2012 00:34:11)
    11. PALERMO: FERRERO, IN CASO DI BALLOTTAGGIO NESSUNA ALLEANZA COL TERZO POLO (23-02-2012 23:49:47)
    12. Bersani non ferma Monti sull’Art. 18. Ammortizzatori sociali, senza risorse è scontro (23-02-2012 23:36:35)
    13. Succede a Kiev: per gli Europei del 2012 il governo di notte fa uccidere cani e gatti randagi. (23-02-2012 21:03:43)
    14. Poveri manager di Stato. Riusciranno a sopravvivere? (23-02-2012 20:05:30)
    15. La Corte Europea condanna l’Italia per i respingimenti dei profughi. Plaudono il Prc e le associazioni umanitarie (23-02-2012 19:33:01)
    16. MELFI, REINTEGRATI DAL GIUDICE I TRE OPERAI LICENZIATI DALLA FIAT (23-02-2012 18:39:29)
    17. Guido Viale: Keynes non basta più (23-02-2012 17:38:34)
    18. «Loro odiano noi e la nostra cultura. Noi odiamo loro» (23-02-2012 17:37:11)

 

ControLaCrisi: Notizie, Conflitti, Lotte