IL CONVEGNO ALL’ECONOMICA DICHIAVARI

La piana dell’Entella? Ecco il piano d’azione

Obiettivo puntato sui “contratti di fiume” europei

CHIAVARI. Tecnici, ambientalisti, architetti e agricoltori a convegno per capire come difendere l’Entella  e la sua gente. Prevenzione è stata la parola d’ordine ieri pomeriggio alla Società Economica di Chiavari. Il convegno organizzato delle associazioni Il bandolo, Legambiente e Articolo nov econ la collaborazione  dell’Osservatorio dei fenomeni  urbani (Ofu), infatti, ha posto l’accento sulla  necessità  di individuare e adottare un piano d’azione per il bacino dell’unico fiume del territorio: l’Entella. Corso d’acqua che attraversa una vasta piana agricola, scivolando   via  a pochi    metri    da abitazioni e aziende. Un fiume che tiene con  il fiato sospeso a ogni allerta meteo, che è già   straripato  e che trasforma vaste aree del territorio in zone rosse,ossiaesondabili. Un fiume che,nel tratto terminale,  è  anche  oasi  naturalistica e attorno al quale, da mesi, si scalda il dibattito politico  tra favorevoli e contrari alla costruzione di nuovi argini lungo la sponda di Lavagna, intervento propedeutico al prolungamento di viale Kasman fino a Carasco.  Con  la  consapevolezza  di tutto questo, ieri all’Economica si è discusso  dei  contratti di  fiume, strumenti nati in Francia nei primi anni Ottanta con l’obiettivo  di garantire un’efficace di gestione dei sistemi paesistico ambientali legati alle acque. In pochi anni i contratti si sono diffusi in molte altre nazioni come il Belgio, il Lussemburgo i Paesi Bassi, la Spagna e anche l’Italia, ma in Liguria stentano ad attecchire  e l’Entella, così come gli altri fiumi regionali, ne  è  sprovvisto. Obiettivo del convegno era  quello di far comprendere  alle  amminitrazioni  (in sala, tra gli altri, c’era­ no rappresentanti del Comune di Lavagna e alcuni candidati sindaco di Chiavari) l’importanza  di  dotarsi di un nuovo strumento di pianificazione   strategica  e  partecipata.

«I  contratti di fiume   –  è  stato spiegato dai relatori – vogliono segnare il passaggio dalla  gestione  del  rischio  e  del­ l’emergenza alla prevenzione dina­ mica, nell’ottica  di una maggiore efficienza delle politiche e degli in­ vestimenti, coinvolgendo le istituzioni regionali e locali». Un approfondimento sull’argomento ci sarà tra un mese, a Lavagna, con la seconda parte del convegno, dedicata  agli amministratori.

dal Secolo XIX del 4/03/2012

Enter Google AdSense Code Here

Comments are closed.