osservatorio sulla repressione – 26/05/13

Newsletter n.19/2013

OSSERVATORIO sulla REPRESSIONE

Associazione di promozione sociale

www.osservatoriorepressione.org

osservatorio.repressione@hotmail.it

SOSTIENI ED ISCRIVITI all’OSSERVATORIO sulla REPRESSIONE

5X1000
Molti di voi sicuramente già l’avranno fatto, altri l’avranno destinato ad altre associazioni meritevoli, per chiunque non ha anora preso impegni e vuole dare il proprio contributo, noi dell’Osservatorio sulla Repressione vi invitiamo a destinare la vs quota del 5X1000 al  Comitato Piazza Carlo Giuliani onlus inserendo nel modello 730 o il modello Unico il codice fiscale: 95075250100
Per ogni informazione sull’attività del comitato: http://www.piazzacarlogiuliani.org

News dal   13 al 26 maggio 2013

Ciao Don Gallo… evangelicamente anarchico

Don Gallo ci ha lasciato, era uno di noi, un prete di frontiera sempre al fianco dei poveri e degli emarginati. Abbiamo condiviso con lui tante giornate insieme dai tragici giorni del luglio 2001 a Genova alle tante manifestazioni di solidarietà contro la repressione e la criminalizzazione dei movimenti.

A testa alta! Per la solidarietà agli/alle imputati/e della giornata del 15 Ottobre

Il 4 Aprile scorso sono stati rinviati a giudizio 18 persone accusate del reato di devastazione e saccheggio in seguito ai fatti avvenuti durante la manifestazione del 15 Ottobre. Tre di loro sono accusate anche di tentato omicidio.

Davide Rosci inizia sciopero della fame nel carcere di Viterbo

Davide Rosci, il compagno antifascista di Teramo, condannato in I° grado per gli incidenti a Piazza San Giovanni a Roma il 15 ottobre 2011, dal carcere di Viterbo dove è recluso annuncia di iniziare lo sciopero della fame

Presentata legge per inasprire le pene per le occupazioni di case

Una dozzina di parlamentari della Lega presentano una proposta di legge per rendere più pesanti le pene per chi occupa case o terreni in modo organizzato (più di dieci). Una legge a difesa della rendita speculativa e del patrimonio immobiliare delle banche.

Bolzaneto, il lager dimenticato

Nei giorni scorsi si sono tenute a Roma le udienze in Corte di Cassazione per l’atto finale dei fatti accaduti nella Caserma di Genova Bolzaneto a luglio del 2001 in occasione del G8. La sentenza è stata posticipata al 14 giugno.

Linciaggio politico-giudiziario ai NoTav

E’ un coro unanime quello che si è levato dopo il sabotaggio del cantiere/fortino di Chiomonte. Pd, Pdl e Lega gridano al ‘terrorismo’ e annunciano più repressione

NoTav: Criminale è chi devasta il territorio,non chi resiste!!

“Tentato omicidio” di un compressore. Un’accusa originale, fatta con vero sprezzo del ridicolo, fa da apripista per l’ennesimo tentativo di criminalizzare il Movimento No Tav. C’è qualcosa di marcio nel modo in cui – sinergicamente – istituzioni, partiti politici, una procura, media di regime stanno cercando di circondare il Movimento No Tav. C’è qualcosa di marcio perché lo schema è decisamente totalitario.

Il Movimento NoTav sui fatti degli ultimi giorni

Tre giorni continui di attacchi mediatici e politici alla Valle di Susa e al movimento no tav. Proviamo per punti a raccontare la cruda realtà: – L’azione di lunedì notte non è stata rivendicata, le uniche notizie che rimbalzano sui giornali arrivano direttamente dalla questura e dall’interno del cantiere.

Milano. La polizia sgombera lo Zam

La polizia sgombera il centro sociale ZAM, uno dei più vivi a Milano. Una tenace e insolita resistenza prende vita.

Napoli: la Polizia assalta il Lido Pola

Mentre a Milano la polizia sgombera  il centro sociale Zam, a Napoli gli agenti assaltano uno spazio occupato pochi giorni fa. Gli occupanti resistono

Torino, cariche e fermi contro i presidi antisfratto

Giornata di resistenza agli sfratti questa mattina a Torino dove, com’è ormai d’abitudine da un po’ di tempo a questa parte, la Questura tende a concentrare diversi sfratti esecutivi nella stessa mattinata (più precisamente nel terzo martedì del mese) per tentare di disperdere i momenti di resistenza.

Massa: contestata la Gelmini, cariche della polizia

A Massa la visita dell’ex ministra dell’istruzione Gelmini, in città per sostenere il candidato sindaco del Pdl, è stata “accolta” da studenti e studentesse che hanno affermato con forza che la presenza di questi personaggi non è gradita.

Bologna: Piazza Verdi resiste alle provocazioni della Polizia

La polizia cerca di interrompere un’assemblea pubblica insieme alle lavoratrici della Sodexo, ma una forte resistenza impedisce il vile tentativo.

Roma, retata di ragazzini anarchici

Spiegamento di forze per catturare sei giovani che avevano affisso nove manifesti astensionisti

Il programma di ricerca europeo INDECT … fra impostura, business e neo-autoritarismo (o fascismo democratico)

Video e documento sul programma di ricerca europeo INDECT

Operazione anti-Anonymous, arresti e perquisizioni

In singolare “coincidenza” con gli allarmi sparati contro l'”eccessiva libertà in Rete”. la polizia sta portando a termine un’operazione contro presunti hacker di Anonymous.

Un’operazione con arresti e perquisizioni contro presunti appartenenti ad Anonymous è in corso in tutta Italia da parte degli uomini della polizia postale. Le indagini sono coordinate dalla procura di Roma.

Anonymous’: «More shit will come». Altri dati della polizia in rete

Intrusione intelligente di Anonymous nei siti del ministero dell’interno. Una risposta a chi pensava di smantellare il gruppo arrestando gente che ne sfruttava solo il nome.

Checchino Antonini spiato e pedinato. Chi è “Stato”?

Checchino Antonini, giornalista e tra i fondatori dell’Osservatorio sulla Repressione è stato pedinato e  spiato per circa un mese. Più o meno da metà gennaio e metà febbraio. Chi? Perché? Su ordine di chi? Domande al momento senza risposta sulle quali, prossimamente, dovrebbero essere presentate interrogazioni parlamentari.

Appunti di un maggio torbido spazzato da venti di fango…

Uno spirito di repressione dai poteri forti e cattolico reazionari interviene a gamba tesa sulla democrazia italiana, che ha ormai pochi difensori. Dalle false piste di attentati a Giorgiana Masi.

Quelle prigioni camuffate chiamate Cie

A 15 anni dalla loro istituzione, i Cie (Centri di identificazione e di espulsione), inizialmente Cpt (centri di permanenza temporanea), vengono bocciati su tutta la linea. Ad evidenziarne limiti e carenze un’indagine compiuta sui centri presenti in tutta Italia da un team di Medu (Medici per i diritti umani).

Commenti web contro Napolitano, Cancellieri autorizza indagini.

Un paio di giorni fa la ministra della giustizia Cancellieri ha autorizzato 22 “indagini” contro altrettanti utenti della rete rei di aver postato nel blog di Beppe Grillo commenti “lesivi dell’onore e del prestigio del presidente della Repubblica”.

No Muos: dopo le cariche inviate una raffica di sanzioni amministrative

Ogni sorta di strumento repressivo viene puntato contro i No Muos.

Parma: corteo nazionale contro il carcere e 41bis

Nel carcere di Parma sono rinchiusi oltre 600 prigionieri, la capienza regolamentare è di 350. Al suo interno vi sono, inoltre, una sezione per paraplegici, una sezione protetti, e una sezione di Alta Sicurezza articolata in AS1, AS3, 41bis. Oltre 50 detenuti sono in 41 bis

MATERIALI

 

Enter Google AdSense Code Here

Comments are closed.