Caseificio Razionale Novese

dal sito www.facciamoadesso.it

Il Caseificio Razionale Novese: la forza di reagire grazie ad una grande tradizione

Il Caseificio Razionale Novese: la forza di reagire grazie ad una grande tradizione
Il Caseificio Razionale Novese è stato fondato nel 1952 e ad oggi può vantare 65 soci conferenti tra le provincie di Modena e Mantova. Il sisma ha provocato ingenti danni: tra strutture e prodotto il danno, anche se ora ancora difficile da stimare, è di decine di milioni di euro. Ma il Caseificio va avanti con la forza della sua tradizione, delle sue persone e dei suoi clienti.

Cosa vi avremmo raccontato prima

Il simbolo del caseificio: la Torre di Novi ... prima del crolloIl Caseificio Razionale Novese è stato fondato nel 1952 e ad oggi può vantare 65 soci conferenti tra le provincie di Modena e Mantova.

Il caseificio lavora circa 350.000 quintali di latte che gli consentono una produzione annuale di 70.000 forme; questo lo rende uno dei maggiori caseifici della provincia di Modena.

Grazie all’oculatezza della gestione e a politiche mirate Il caseificio in azione

essenzialmente sulla qualità del prodotto, la nostra cooperativa negli ultimi venti anni ha vissuto un costante incremento della base sociale, che le ha permesso di crescere e di ottenere un importante radicamento sul territorio.

Questo anche grazie allo spaccio che consente di vendere i prodotti direttamente ai consumatori rafforzando così il rapporto di conoscenza e di fiducia.

Cosa dobbiamo raccontarvi oggi

Le scalere crollate

La scossa del 20 maggio non aveva procurato danni al caseificio e nella settimana successiva eravamo stati in grado di ospitare 6.000 forme del caseificio di Albareto di Modena che era stato duramente colpito.

Il 29 maggio alle 9 del mattino la prima scossa ha danneggiato irreparabilmente due magazzini di formaggio facendo crollare scalere che contenevano 80.000 forme.

In quel momento la preoccupazione era di salvare un collega rimasto bloccato in un magazzino che fortunatamente anche se con ferite che lo accompagneranno per tutta la vita può raccontare questa terribile avventura.

Solo successivamente ci siamo resi conto di come il lavoro di due anni fosse andato quasi completamente perduto. Il lavoro di 65 aziende agricole, di 20 dipendenti e di un enorme indotto essendo il Razionale in assoluto il caseificio più grande del comprensorio del parmigiano regggiano.

 

Cosa sappiamo del domani

In questi giorni continua l’opera di recupero delle forme non danneggiate.

Il sisma ha provocato ingenti danni: tra strutture e prodotto il danno, anche se ora ancora difficile da stimare, è di decine di milioni di euro.

Lo spirito è quello di ricominciare e non mollare ma sappiamo che per questo c’è bisogno anche della solidarietà delle persone…. e prenotare il nostro splendido Parmigiano Reggiano è un modo per sostenerci ed aiutarci a ripartire!

Il caseificio

per meggiori informazioni sul caseificio razionale novese visitate il sito
http://www.caseificiorazionalenovese.it/

LE STAGIONATURE

La lunga stagionatura conferisce al Parmigiano-Reggiano caratteristiche straordinarie che si differenziano in funzione del periodo di maturazione. Per questo motivo è stato introdotto un sistema di bollini colorati che può aiutare il consumatore nella scelta del prodotto.

BOLLINO ARAGOSTA
oltre 18 mesi di stagionatura
Ideale tagliato a cubetti per l’aperitivo, preferibilmente da abbinare con vini bianchi secchi e accostato a frutta fresca come pere e mele verdi.
BOLLINO ARGENTO
oltre 22 mesi di stagionatura
Perfetto con vini rossi abbastanza strutturati. Ottimo se presentato tagliato a petali in un’insalata di frutta condita con aceto balsamico tradizionale di Modena o Reggio Emilia. Ideale accompagnato a qualsiasi tipo di frutta secca, è superbo con prugne e fichi.
BOLLINO ORO
oltre 30 mesi di stagionatura (stravecchio)
Ottimo sia con vini rossi di elevato corpo e struttura sia con vini bianchi passiti e da meditazione. Da provare l’abbinamento con mieli ed il perfetto connubio con l’aceto balsamico tradizionale di Modena o Reggio Emilia.